Translate

giovedì 21 settembre 2017

Intento di malloreddus alla campidanese


Come si fa a riproporre un piatto di cucina tradizionale italiana e precisamente sarda quando ci si trova a 1686,3km lontano dall'isola? Malloreddus alla campidanese! Un pimo isolano che unisce la bontà delle materie prime di qualità e la bravura delle donne sarde. Ci ho provato a riproporre il profumo e il gusto ai miei parenti in Grecia. Ovviamente non disponendo della salsiccia sarda fresca ho dovuto reinventarmi il sapore  e sostituirla con mini polpettine fate con macinato di maiale e semi di finocchietto selvatico e coi malloreddus, i gnocchietti sardi,  fatti da me. La qualità delle materie prime c'era. Mi è mancata la mano invisibile di una donna sarda che si unisce alle mie mani e mi guida, come fa la mano di mia nonna quando cucino greco! Questa quindi passa come ricetta di Apriti Sesamo ma l'intento era quello di un piatto della cucina sarda e il sapore c'era a detto dei sardi presenti che hanno gradito! Piatto buono comunque, provatelo e le poplettine risultano uno vero sfizio!


Ingredienti:
per la pasta:
  • 500g farina di semola
  • 2-3 pizzichi di sale
  • 200ml di acqua

per le polpette:
  • 250g di macinato di maiale
  • 30g pangrattato
  • 60ml acqua
  • mezzo cucchiaino di sale
  • 1 cucchiaino di semi difinocchietto selvatico
  • un poco di pepe nero

per il sugo:
  • 1 cipolla
  • 120ml di olio extra vergine d'oliva
  • 1kg di pomodori da sugo
  • sale


  • pecorino grattugiato

Esecuzione:

Impastate gli ingredienti per le mini polpettine, coprite con pellicola e lasciate riposare per almeno 4 ore in frigo. Meglio se una notte.
 

Impastate la farina di semola con 2-3 pizzichi di sale e l'acqua. La quantità di acqua che servirà dipende dall'umidità della farina e dell'ambiente. Io ero in una giornata estiva, in Grecia, quindi clima molto secco. Dovete ottenere un panetto d'impasto liscio e ben compatto. Copritelo e lasciatelo riposare 1 ora. Poi formate dei cordoni sottili, tagliate a pezzettini di mezzo centimentro e passateli da un arriccia gnocchi o dalle maglie di un cestino per darli la forma caratteristica.

Formate le polpettine piccolissime, quanto un acino d'uva. Mettete in una padella antiaderente l'olio e appena è caldo buttate le polpettine e fatele dorate leggermente. Aggiungete la cipolla tagliata fine e appena si ammorbidisce unite i pomodori spellati e tagliati a cubetti. Aggiungete sale quanto basta e tirate il sugo a cottura.


Lessate i gnocchietti in abbondante acqua salata, per il tempo che serve a finchè risultino cotti (dovrete assaggiare). Scolateli, tuffateli dentro in sugo con le polpettine e fateli saltare. Servite, condite con formaggio pecorino e buon appetito!




 



17 commenti:

  1. L'aspetto è ottimo, direi che ti sono venuti benissimo.
    Baci.
    Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Detto da te, lo sai, vale il doppio!
      Un bacio!

      Elimina
  2. Ciao, peccato non poterne sentire il profumo, a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Puffin! Benvenuta nel mio blog! Un abbraccio!

      Elimina
  3. Φαίνεται νοστιμότατο! Θα το φτιάξω οπωσδήποτε! Πολλά φιλιά, Ελένη μου.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Μία μου σ'ευχαριστώ πάντα για τα καλά σου λόγια! Φιλιά!

      Elimina
  4. Ma che bontà questa pasta, un piatto irresistibilmente appetitoso, complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un abbraccio Gabry! Devo dire che se lo sono gustato tutti!

      Elimina
  5. Meravigliosi direi!!!!
    Sarà che è ora di pranzo, ma quel piattino mi ha fatto venire l'acquolina alla bocca!!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Anch'io spesso cucino piatti di paesi molto lontani dove a volte mi mancano gli ingredienti chiave ma cerco di fare come te, interpretare le ricette a modo mio ;)
    Questa ricetta è veramente fantastica, ricordo molto bene la bontà dei piatti sardi, molto ricchi e saporiti.
    Buona domenica!
    Un abbraccio,
    Flo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Flo! E'proprio così, delle volte bisogna interpretare!
      Un abbraccio cara!

      Elimina
  7. Sembra delizioso e sicuramente lo è.. baci

    RispondiElimina

Grazie per essere passati e aver lasciato un commento! Ogni critica, perplessità, domanda sono per me spunti di riflessione e crescita!