Translate

mercoledì 25 ottobre 2017

Stinco di maiale al forno



Lo stinco di maiale al forno è un punto d'orgoglio di molte trattorie gourmet in Grecia e ognuna ha il suo piccolo segreto sulla marinatura e il suo contorno con la quale presentarlo, spesso con patate cotte sui sughi della carne. Il comune denominatore è la cottura lenta che permette al tessuto connettivo in grande presenza sullo stinco, di trasformarsi nel gustosissimo gel che renderà la carne tenera e succosa. Lo stinco di maiale non è una parte pregiata perché la carne è dura e necessita di lunga cottura. Essendo però il muscolo più usato dall'animale e risulta molto, ma molto saporito. Un tempo si preparava in pendole di terracotta dotate di coperchio e si metteva al forno a legna da quando lo si accendeva fino a che non finiva la cottura del pane. Sì può scegliere di prepararlo con la cotenna o senza. Io lo preferisco senza per la ricetta proposta. L'ho accompagnato con stufato di mele cotogne e caldarroste, riso basmati e yogurt.




Ingredienti:
  • 2 stinchi di maiale senza la cotena (1500g)
  • 1 spicchio d'aglio
  • 2 cucchiaini di sale
  • 2 cucchiaiate di miele
  • succo di un limone
  • 1 cucchiaiata abbondante di senape
  • 2 cucchiaiate di olio d'oliva extravergine
  • pepe nero
  • un ramoscello di rosmarino o di timo


Esecuzione:

Mischiate il sale, il miele, il limone, l'olio, la senape il pepe nero, il rosmarino (o timo) e l'aglio ridotto in poltiglia.

Lavate e asciugate bene tamponando gli s 2tinchi di maiale. Incidete più volte la carne e con un cucchiaino fate in modo che il condimento penetri nelle incisioni. Lasciate marinare per 2-4 ore ancora meglio per una notte in frigo.

Il giorno dopo, avvolgete i stinchi insieme alla marinatura in carta forno e poi in carta alluminio. Fate cuocere a per 2 ore e 30 minuti a 180°C. 

Trascosco tale tempo aprite l'involucro con grande attenzione a non bruciarvi dal vapore e continuate la cottura finchè la marinatura si restringa e la carne acquisti una doratura suculenta da entrambi i lati.



9 commenti:

  1. Che squisitezza!
    Ho appena finito di mangiare e mi hai fatto venire di nuovo fame!
    Un abbraccio

    Nuovo post sul mio blog!
    Ti aspetto da me se ti va!
    http://lamammadisophia2016.blogspot.it

    RispondiElimina
  2. Con questa ricetta mi conquisti immediatamente, mi piace tutto, dagli stinchi allo stufato all'accompagnamento di riso e yogurt. La marinata poi io la adoro e pensa che miele e senape li ho usati anch'io oggi per marinare la carne. Complimentissimi e baci

    RispondiElimina
  3. Cara Eleni, a me non piace tanto, ma mia moglie moltissimo!!!
    Ciao e buon pomeriggio con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. amo la stagione "brutta", quella fredda dove piatti come questi diventano protagonisti assoluti

    RispondiElimina
  5. Un tipico piatto invernale, sono anni che non cuocio più un piatto cosi senza una vera ragione

    RispondiElimina
  6. Buono!!!!! Io adoro lo stinco di maiale <3

    RispondiElimina
  7. Αγαπημένη συνταγή, Ελένη μου! Ευχαριστούμε!

    RispondiElimina
  8. Eleni...BRAVA come sempre...complimenti per la squisitissima ricetta. Adoro lo stinco di maiale, anche se, io personalmente lo preferisco con la cotenna croccante...sono ancora il proprietario indiscutibile e assoluto dei miei denti che, naturalmente, metto ogni volta a dura prova durante un pranzo del genere...ma senza effetti collaterali indesiderati. BUONISSIMO !!!

    RispondiElimina

Grazie per essere passati e aver lasciato un commento! Ogni critica, perplessità, domanda sono per me spunti di riflessione e crescita!