Translate

martedì 4 luglio 2017

Melone e feta


Così si risolvevano molte cene estive di mio nonno. "Melone e feta e sono apposto" diceva. Il suo non era un ordine. Non poteva fare a meno che chiedere. Un ictus a 54 anni lo aveva lasciato invalido per tutta la parte sinistra. Il medico della piccola comunità montanara gli aveva dato tre mesi di vita ma mia nonna non era d'accordo. Per tre mesi lo accudì come solo un'infermiera professionale può capire cosa vuol dire accudire un adulto con mezzo corpo paralizzato... Trascorsi i tre mesi gli disse: O muori o ti alzi. Io non ce la faccio più. E lui piangeva come un bambino. Se lo caricò sulla schiena e lo trasporto fuori casa. Gli legò la gamba sinistra con la corda con la quale legava la capra e in ogni suo passo, tirava la corda per fargli muovere la gamba, come se fosse il filo di una marionetta. "Ma per tre mesi non ho lasciato che i muscoli si atrofizzassero! Facevo così, così, così..." mi confidava. "Anche se il medico aveva detto che sarebbe morto, a me serviva vivo!" E così lui reimparò a mangiare, parlare e infine camminare, anche se zoppicando e aiutandosi con un bastone. Tagliare però non era roba facile, aveva bisogno d'aiuto, perciò chiedeva.
Melone e feta nella cucina greca è una cena estiva molto diffusa, anche se alcuni preferiscono l'anguria con feta e la mia bisnonna cenava meglio con fichi e pane.
Avrei potuto aggiungere qualcosa per dare la parvenza di una mia stravaganza culinaria, per poter vantare un mio contributo geniale, invece no. Volevo soltanto farvi conoscere una abbinamento classico nel quale trovo sublime il confronto dialettico tra le parti. Due sapori opposti che dialogano tra loro e si assapora proprio quel loro dialogare. E' strano come e la dolcezza del melone decompone il formaggio e esalta la qualità del latte col quale è stato prodotto. Si riencono a sentire profumi floreali del pascolo e nello stesso tempo come risposta la sapidità del formaggio accentua ed esalta il profumo del melone. Dolce e salato in un rapporto dialettico, come salita e discesa nell'espressione di una scala. Abbinamento minimal ed essenziale, come cacio e pere, melone e prosciutto. Non servono altri fronzoli.
Accompagnate gli aperitivi estivi o semplicemente fatevi una cena minimalista e gustate un sapore nuovo e allo stesso tempo antico!




Ingredienti:
  • melone ben maturo, sodo, dolce e profumato
  • feta
 


Esecuzione:
Tagliate il melone e la feta a cubetti e alternateli su degli spiedini di bambù, oppure tagliate semplicemente il melone come più vi garba e giocate sulla quantità di feta da  sbricciolare sopra.
Importante che il melone sia di ottima qualità, della giusta freschezza e maturazione!




34 commenti:

  1. Splendide le foto, golosa la ricetta (spesso i piatti pià semplici sono i migliori) e straordinaria la storia dei nonni: dimostra che volere è potere, non ci sono limiti a quello che si vuole fortemente con volontà infinita...bravissima davvero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio così diceva mia nonna! "Non esiste non posso! Esiste non voglio!" All'epoca cercavo di confutare la sua tesi, ora invece ci credo fermamente! Saranno gli anni che danno questa prepotenza esistenziale per la quale volere e potere??? In ogni caso mi godo il viaggio...

      Elimina
  2. Che bel racconto, conta la forza di volontà ma anche le persone che ti stanno vicene, una nonna molto ma molto in gamba.
    La ricetta mi incuriosisce proprio per il dolce del melone e il salato della feta la proverò

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mia nonna era in gamba, sì! E ho avuto la fortuna di accompagnarla fino al suo ultimo respiro..

      Elimina
  3. Cara Eleni, certo che un piatto così sulla tavola rinfresca solo vederlo!!!
    Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero Tomaso! Un abbraccio, buona serata!

      Elimina
  4. Mi hai incuriosito molto con questo insolito abbinamento, sto trovando degli ottimi meloni e non mancherò di provare!!!
    Una nonnina molto grintosa e forti rapporti a due che vanno oltre all'idea di vita assieme che abbiamo oggi!!!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, veramente... rapporto molto forte il loro! Prima o poi lo racconto! :-)
      Un bacio!

      Elimina
  5. Dolcissima la storia dei tuoi nonni! Melone e feta, ho il melone, ho un po' di feta, domani sarà il mio pranzo :) Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un bacio Lauretta, grazie di essere passata! :-)

      Elimina
  6. Ελένη μου, υπέροχο! Μου αρέσει και το σερβίρισμα σουβλάκι! Ε, λοιπόν, πεπόνι με φέτα δεν το είχα σκεφτεί! Η μάνα μου, ως Κρητικιά, φτιάχνει καρπούζι με φέτα. Αλλά το πεπόνι πρώτη φορά το ακούω! Θα το δοκιμάσω οπωσδήποτε!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Καλημέρα Μία! Εγώ είμαι από Βόλο και σε μάς ελάχιστοι συνδιάζουν καρπούζι με φέτα, δεν ήξερα ότι στην Κρήτη το προτιμούν! Θα το δοκιμάσω κι εγώ!

      Elimina
  7. Toccante il racconto dei tuoi nonni, tua nonna doveva essere sicuramente una donna molto in gamba e mi ricorda tanto la forza di volontà che aveva anche la mia.
    Una generazione decisamente molto più forte della nostra!
    Quanto agli spiedini di feta e melone...un'idea semplice e fresca che mi piace tanto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Erano generazioni che avevano vissuto guerre... Erano dei sopravvissuti! :-)
      Un abbraccio!

      Elimina
  8. Ottimo abbinamento, adoro la frutta con il salato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un abbraccio speedy! Grazie per essere passata!

      Elimina
  9. Squisito abbinamento e bellissima presentazione! Io aggiungo anche il cetriolo e il basilico, prova e vedrai che te ne innamorerai anche tu :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Consuelo, proverò perché la curiosità c'è sempre, ma non sono per i facili innamoramenti... :-)))

      Elimina
  10. ....è quello che dico sempre arrendersi mai. Ti assicuro che le mie spalle e braccia chiedono riposo na io niente, se sto ferma è peggio è quindi ci si muove altro che dire. .non posso 😆😆 Buono l abbinamento poco per me il melone non.riesco a digerire . Un forte abbraccio buona domenica.😚

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arrendersi mai cara Edvige! Un abbraccio, grazie per essere passata!

      Elimina
  11. Avevo già gustato il melone con prosciutto crudo ma questa idea di provarlo insieme al formaggio feta mi attira ancora di più.
    Buona serata e cari saluti,
    Flo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un abbraccio Flo! Prova e poi dimmi come è andata!

      Elimina
  12. Faccio spesso prosciutto e melone, devo provare con la feta. Grande donna tua nonna. un bacione e buona settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un abbraccio Fabiola! Si, mia nonna era forte, come lo erano le donne della sua generazione...
      Grazie per essere passata!

      Elimina
  13. Grande donna tua nonna, un po' come nella tradizione sarda anche in quella greca le donne hanno una marcia in più. Decisamente un sapore nuovo da provare per me questa ricetta. ;)
    Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero! Le donne sarde sono toste! :-)))
      Grazie per essere passata, un abbraccio!

      Elimina
  14. Buonissimo questo abbinamento melone/feta.
    Grazie per averlo condiviso.
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Manu per essere passata!
      Un abbraccio!

      Elimina
  15. Carissima, ho proposto gli spiedini di melone e feta in aggiunta al classico prosciutto e melone e sono stati molto graditi, grazie per la illuminante condivisione!!!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Laura per essere tornata a dirmelo! Mi hai reso felice! Anche io trovo che proporli insieme a melone e prosciutto sia un'ottima idea! Un abbraccio, grazie!

      Elimina
  16. Lo proverò anch'io....
    La storia dei tuoi nonni mi ha lasciata a riflettere sulla forza di volontà che cosa può fare!!!!
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Volere è potere" dicono e mia nonna ridendo avrebbe aggiunto "Per forza! Oltre il volere non avevamo null'altro!"
      Un abbraccio Mila

      Elimina
  17. spero anche io d'essere un esempio per i miei nipoti, sapere dare conto dell'esperienza di vita è un passaggio importante che in questo periodo sto cercando di coltivare.
    Feta e melone è troppo giusto come sapore perchè non ci ho mai pensato?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Saper dar conto dell'esperienza di vita" per mia nonna significava non esserci passata invano. Tu che riesci a dar conto a noi delle tue esperienze, qui su web, immagino che sarai anche un nonno in gamba pur non avendo finora mangiato mai feta e melone!
      Un abbraccio Günther.

      Elimina

Grazie per essere passati e aver lasciato un commento! Ogni critica, perplessità, domanda sono per me spunti di riflessione e crescita!