Translate

mercoledì 13 dicembre 2017

Wurstel in pastella


I wurstel no! I wurstel a casa non entrano! A casa mia mai! Poi, ti trovi i figli che sbavano davanti all'immagine di un hot dog per strada, che stanno per svenire di gioia quando la cameriera dopo aver preso le ordinazioni dei grandi si rivolge a loro "e tu amore come la vuoi la pizza? Patatine e wurstel?" E loro la guardano come se fosse un abete di plastica con delle palle addosso e con tanti pacchi grandi sotto e dall'emozione scuotono la testa facendo "sì, il mio sogno, ma mamma, non oso manco guardarla, che dirà di no!" E allora decidi che tu seminerai ma le scelte (in questo caso alimentari) dovranno venire da sè quando saranno grandi e che in fondo una schifezza ogni tanto ci sta dato che mangiano anche i cavoli a merenda.
Quindi wurstel qualche volta si può, ma fuori casa, in qualche festa di compleanno, sulla pizza ogni tanto. Questi infatti sono stati preparati per il buffet del compleanno della cuginetta. Non sono i corn dog, dei quali gli Americani ne vanno ghiotti ma l'idea sarebbe quella insomma. La pastella fatta su ricetta di Apriti Sesamo risulta molto più digeribile, dalla farina di mais fritta che avvolge i corn dogs, è delicata ma allo stesso tempo saporita. E comunque io non vedo l'ora di provarla tuffandoci dentro cavolfiore e carote cotte al dente, infilzate e poi tuffate nella pastella e fritte!


 Ingredienti:
  • 150g yogurt naturale
  • 120g farina 00
  • 7g lievito in polvere per torte salate
  • 40g pecorino
  • 1 uovo
  • 50ml latte
  • 240g wurstel mini
  • stecchini
  • olio di aracchidi per friggere


Esecuzione:

Infilzate i wurstel e metteteli in freezer per una ventina di minuti. Nel frattempo preparate la pastella con lo yogurt naturale, la farina, l'uovo, il latte, il pecorino e il lievito per torte salate. Mettete l'olio in un pentollino a scaldare bene ma a fiamma bassa. Passate gli stecchini coi wurstel dalla pastella e pochi per volta tuffateli nell'olio bollente. Si gonfiano e vengono subito a galla. Fateli dorare bene da tutte le parti a fuoco sempre basso. Poggiateli su carta da cucina per togliere e serviteli sia caldi che freddi accompagnati da salse di vostro gradimento!
Se vi avanza qualche cucchiaiata di pastella mettetela nel olio, usciranno delle frittelle salate, al pecorino, molto sfiziose.


9 commenti:

  1. Cara Eleni, ne ho mangiato di tanti tipi ma mai come questi! Novità.
    Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Molto stuzzicanti questi wurstel, credo che mio marito gli apprezzerebbe molto.
    Ti auguro una fantastica serata.
    Saluti,
    Flo

    RispondiElimina
  3. Che delizia...una schifezzina irrinunciabile, ma sempre con un tuo tocco particolare e buonissimo, bravissima, baci!

    RispondiElimina
  4. Mi piace come li hai realizzati sono una bella idea, brava

    RispondiElimina
  5. Quelle frittelle al pecorino mi ingolosiscono molto più dei wurstel....ma non mi tiro indietro nemmeno per quelli!!!
    Baci

    RispondiElimina
  6. concordo in pieno una "schifezza " ogni tanto fa bene all'anima! Per cui non demonizzare mai nessun cibo e poi preparati così sono ancora più golosi!!!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  7. Sai che è un'idea davvero originale e gustosa!!!!!! Mi segno la ricetta: lo gnomolo già so che ti ringrazierà ^_*
    Un abbraccio

    RispondiElimina

Grazie per essere passati e aver lasciato un commento! Ogni critica, perplessità, domanda sono per me spunti di riflessione e crescita!