Translate

domenica 10 marzo 2019

Manitaropita - torta ai funghi


Manitaropita, ovvero torta ai funghi, è un'altra delle tante pite tradizionali della cucina greca. La trovate sempre in doppia versione, sia completa che vegan ed è un ottimo modo sfizioso per risolvere un pasto anche fuori orario! A me piace molto anche la versione senza formaggi e presto la rifarò quindi in veste vegan. Senza formaggi e con meno ripieno, in modo da poter gustare meglio la fragrante e croccante pasta fillo; perché non mi stancherò mai di dire che le paste fillo in tutte le loro varietà e qualità vanno degustate. La pasta  fillo non è un contenitore di ripieni, ma ha il ruolo da protagonista in tutte le torte, dolci e salate! Deve avere una presenza importante, un'accurata cottura e una degna farcitura! Questa manitaropita è fatta con pasta fillo fornitami dalla Stuffer S.p.A. e vi dirò che la coccola di avere l'ingrediente base pronto non ha prezzo! Ricetta facile e molto soddisfacente, andiamo a prepararla!


Ingredienti:
  • 6 foglie di pasta fillo Stuffer
  • 62,5 g  di formaggio fresco Stuffer (1 confezione)
  • 100 g di formaggio pecorino semi stagionato
  • 350 g funghi champignon
  • 30 g funghi porcini secchi
  • 1 cipolla bianca piccola
  • 80 ml olio extravergine d'oliva + per ungere le foglie
  • sale 
  • pepe
  • 4 pomodori secchi sottolio
  • 4 steli di prezzemolo


Esecuzione:


Mettete i fughi secchi in acqua calda per almeno mezz'ora. Scolateli e strizzateli bene. Pulite i funghi champignon e tagliateli a fette.
In una padella antiaderente scaldate l'olio e fatte appassire la cipolla tagliata finemente e i funghi.

Aggiungete sale, pepe, il trito di pomodori secchi e prezzemolo e lasciate raffreddare.
Inserite il pecorino grattugiato e il formaggio fresco e amalgamate.
Oleate 4 fogli di pasta fillo e sovrapponeteli. Posizionateli in una teglia o pirofila rettangolare leggermente più piccola della dimensione dei fogli, stendete il ripieno e piegate verso l'interno i bordi dei fogli. Oleate gli altri due fogli, sovrapponeteli e tagliateli a metà. Posizionateli sopra la torta e spingete i bordi verso giù come si fa con le lenzuola nel letto. Oleate la superficie e bagnatela spruzzando un po' di acqua. Tagliate i pezzi senza tuttavia arrivare fino in  fondo. Basta incidere bene il primo strato in modo che durante la cottura il ripieno perde l'umidità e la pasta fillo resta croccante.

Infornate in forno statico portato già a 180°C, oppure ventilato a 170°C e cuocete per 30-40 minuti, fino a doratura desiderata. Più lunga è la cottura a temperatura bassa meglio è, ma anche 180°C per 30-40 minuti è un buon compromesso tra qualità di cottura e tempo che la vita frenetica mette a disposizione...
Buona degustazione!





8 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. irresistibile x me che amo questo genere di torte rustiche,
    complimenti!!
    baci

    RispondiElimina
  3. Super buona brava, buona serata baci

    RispondiElimina
  4. Cara Eleni non ricordo di avere mai provato una simile torta, credo sia buona.
    Ciao e buona domenica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  5. Io cenerei così ogni sera . Non è buona questa torta di funghi, ma molto di più !!!!! Complimentissimi Eleni e baci

    RispondiElimina
  6. Grazie della ricetta, voglio proprio provare a farla. Magari con una pasta fillo che non contenga olio di palma ...
    Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora la pasta fillo Stuffer è perfetta! Contiene olio di girasole :) Un abbraccio Paola, grazie per essere passata!

      Elimina
  7. Splendida la manitaropita...immagino il gusto strepitoso. ottima la scelta della pasta fillo Stuffer: la uso anche io ed è perfetta!! Baci!

    RispondiElimina

Grazie per essere passati e aver lasciato un commento! Ogni critica, perplessità, domanda sono per me spunti di riflessione e crescita!