Translate

lunedì 5 febbraio 2018

Coniglio stufato alla greca



Il coniglio è una delle carni bianche che ben si prestano per fare un ottimo stufato. La ricetta originale greca prevede marinatura in vino, aceto e profumi, tante cipolle piccole e dopo la rosolatura l'aggiunta di un bichiere di vino rosso, anche se,, a mio parere è una ricetta di stufato più andata per le carni selvatiche dei cugini leprotti. Questo è uno stufato alla greca che resta molto più leggero, armonioso tra agro e dolce, si prepara facilmente se accompagnato da carboidrati diventa un piatto unico da leccarsi pure le dita! Con cosa verrà accompagnato? Chiedete a casa e tra le loro preferenze non avrete che l'imbarazzo della scelta!


 Ingredienti:
  • 4 spalle di coniglio (circa 800g)
  • 100ml di olio extravergine d'oliva
  • 1 cipolla bianca grande o 2 medie
  • 100g di cipolline sottaceto
  • 100g di uva passa (io uvettadi Corinto)
  • 1 cucchiaino colmo di sale
  • 1 foglia di alloro
  • 3 bacche di pimento (si chiama anche pepe garofanato e pepe giamaicano)
  • 1 scatola di pomodori pelati (io datterini)

Esecuzione:

Lavate e asciugate i pezzi di coniglio. Mettete l'olio a scaldare e rosolate la carne. Aggiungete la cipolla tagliata e le cipolline in agrodolce, (pesate sgocciolate) e lasciate rosolare per qualche minuto. Aggiungete 1-2 bicchieri di acqua calda, il sale, i profumi, l'uva passa e il pomodoro. Abbassate la fiamma il più possibile, coprite e lasciate andare per 40 minuti circa, fino a che la carne di coniglio risulti morbida e il sugo ristretto al punto giusto.
Una volta ultimata la cottura del vostro coniglio stufato alla greca, ricordatevi di ripescare le tre bacche del pimento oppure avvertire i commensali della loro presenza.



Potete accompagnare lo stufato con purea di patate, patate fritte (possibilmente freche e fritte il olio extravergine d'oliva), con riso pilaf (ottimo con riso basmati: portare in ebbolizione 2 tazze di acqua, aggiungere sale, un filo d'olio e 1 cucchiaiata di succo di limone, versare il riso basmati dopo averlo sciacquato e lasciate cuocere a fiamma bassa per 10 minuti, spegnete, coprite e lasciate riposare per altri 10 minuti, dopodi chè sgranate con una forchetta) oppure in un mix di culture culinarie, come ho fatto io, servitelo con della polenta bramata! La salsa del coniglio stufato è ottima anche per condire una spaghettata! In tal caso, togliete i pezzi di carne, fate bollire la pasta e saltatela dentro il sugo! Avrete così uno squisito piatto unico, che vi farà sentire in festa!
Accompagnate con vino rosso fruttato e persistente (io Carignano del Sulcis).



7 commenti:

  1. Yummy!!

    https://julesonthemoon.blogspot.it

    RispondiElimina
  2. Deve essere buonissimo con l'uvetta, segno la ricetta, da rifare!!!

    RispondiElimina
  3. Cara Eleni, vedendo il piatto misi è svegliato l'appetito.
    Ciao e buon pomeriggio con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. Mi pare quasi di sentire il profumino di questo delizioso coniglio !!!!! A quest'ora poi ....... Un abbraccio cara Eleni

    RispondiElimina
  5. Un piatto succulento e invitante, realizzato ad arte e fotografato splendidamente....sempre più brava neh???Baci!

    RispondiElimina
  6. divino!!! una ricetta buonissima che contiene tutti i sapori che amo di piu'!! la proverò senz'altro!!

    RispondiElimina

Grazie per essere passati e aver lasciato un commento! Ogni critica, perplessità, domanda sono per me spunti di riflessione e crescita!